http://bet.sitonline.it

BroscaLib

Sabato 18 maggio – “L’EREDITÀ DI ESZTER” / di Sándor Márai, con Cloris Brosca e Cristina Liberati

Posted on 14/05/2013 by Staff_Albero

L’EREDITÀ DI ESZTER
di Sándor Márai

con CLORIS BROSCA e CRISTINA LIBERATI
a cura di  Cloris Brosca

Violino / Cristina Silvestro
Costumi e Scenografia / Carlo Senesi
Progetto luci / Toni Damiano
“Dente per dente… occhio per occhio… la chiave d’oro l’ho data a Pinocchio”.
Occhio per occhio…: è così diffusa la modalità della contrapposizione nelle nostre vite che l’incontrare qualcuno – in letteratura come nella vita – che si misuri col prossimo adottando comportamenti differenti genera in noi una sorta di stupore.

Mi imbatto nel personaggio di Eszter e rimango affascinata: voglio vedere, col suo singolare comportamento, “questa stupida dove vuole arrivare”, ben conscia, da qualche parte dentro di me, che quella stupida che porge l’altra guancia – e fino a che punto! – sono io, potrei essere io.

Eszter, protagonista eponima del romanzo, è un’osservatrice disincantata: assiste al dipanarsi degli avvenimenti che la porteranno alla sicura rovina con il distacco della ricercatrice attenta a non influenzare minimamente l’esperimento a cui prende parte. Solo, si squarcia l’anima, permettendo al lettore di osservare, come attraverso una lente d’ingrandimento, la minuziosa vivisezione di quello che accade al suo cuore spalancato.  Non riesco a immaginare niente di più teatrale: è lì che ho desiderato prepotentemente di portare in scena L’eredità di Eszter.

Mi spiego meglio. Questo “assistere” non è senza conseguenze per il lettore, che viene trasformato in men che non si dica  nello spettatore perfetto:  incantato dalla parola di Márai viene precettato in una sorta di coro greco – di cui Nunu è l’ineffabile avanposto – che, muto, partecipa alla vicenda, se ne duole, se ne stupisce, ma, imprigionato nel suo ruolo, non può intervenire per cambiarne la trama, né tantomeno sottrarsene. Dirò di più, a specchio con quanto accade ad Eszter, anche noi diveniamo vittime del fascino predatorio di Lajos: perdiamo la nostra lucidità, se non altro per indignarci al massimo grado della sua insaziabile rapacità a fronte dell’inerme remissività di Eszter. Da lettori-spettatori veniamo risucchiati nella vicenda, e fondendoci con i protagonisti della scena, come personaggi pirandelliani, non possiamo far altro che raccontare/assistere ancora e ancora alla storia – soffocati dalla paradossale domanda finirà in maniera differente questa volta? – consci, insieme ad Eszter, che l’unico tempo in cui il portato devastante di questa domanda si acquieta e perde vigore è proprio il tempo del racconto – della rappresentazione – abitato dal tumulto degli eventi, attirati irresistibilmente in una sola, unica, possibile direzione fino al compiuto assetto finale. Come nel romanzo: tutto è già avvenuto e il racconto – venefico e salvifico insieme – ripropone immutabilmente lo stesso fatale accadimento.


Per offrirti un'esperienza di navigazione ottimizzata e in linea con le tue preferenze questo sito utilizza i cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner acconsenti al loro impiego in conformità alla nostra Cookie Policy Informazioni

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close